Tra Nerello Mascalese e Nero d’Avola: una domenica magica a Primaterra

Domenica 2 luglio, nella splendida cornice dei Vigneti Primaterra, sul versante Nord dell’Etna, il Presidente di A.I.S. Sicilia e padrone di casa, Camillo Privitera, ci ha aperto le porte della sua vigna per un evento che ci ha incuriositi, divertiti e permesso di trascorrere una domenica d’estate lontani dal caldo torrido della città ed immersi nei profumi e nei sapori dell’Etna. “Nerello mascalese e Nero d’Avola 6×6 alla cieca”. Venti diverse etichette, rigorosamente coperte, a cui abbiamo assegnato, dopo una breve degustazione, un punteggio da zero a cento.
Tra sommelier diplomati, semplici appassionati e curiosi, c’eravamo noi, quattro ragazzi che hanno appena superato il primo step del percorso per diventare “professionisti del vino”. L’aspetto che ha colpito di più una neofita della degustazione come me, è stato toccare con mano (ma sarebbe più giusto dire con il palato), quello che abbiamo appreso durante questi mesi in aula: quanta complessità, ricchezza e peculiarità sono racchiuse dentro ogni bottiglia di vino e quante diverse sfaccettature emergono dalla percezione che ciascuno ha di ogni singolo assaggio.

L’atmosfera conviviale che si è creata durante la mattinata ci ha accompagnato anche durante il pranzo, tra profumi di menta e quei sentori che solo la cottura nel forno a pietra riesce a trasmettere al cibo.
I Vigneti Primaterra ci aspettano ad agosto con “Etna Resiliency”, un calendario di appuntamenti che unisce degustazioni, abbinamenti gastronomici e grandi selezioni di musica classica (da Bach a Mendelssohn, passando per Beethoven), tutto da gustare sotto il cielo stellato dell’estate etnea.
Da non perdere! Stay tuned!

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebooktwittermail

Potrebbero interessarti anche...