Silvana Raniolo, in viaggio con i vini. In valigia la passione per la propria terra

Da Londra a Roma, da Kuopio (in Finlandia) a Taormina e poi ancora Palermo e la Romania, con Bucarest. Ma prima di rientrare a casa, giusto il tempo per sbrigare alcune cose, ecco che vi è un importante evento a cui non si può non partecipare a Taormina. Il tutto in un mese. Ma nella valigia, Silvana Raniolo, cotitolare insieme al marito dell’azienda vittoriese Tenuta Bastonaca, non ci sono solo vini. Lei vi mette la passione per il lavoro che fa, l’entusiasmo e l’amore per la sua terra con i tanti racconti pronti da “degustare” in abbinamento alle proprie etichette, perché un vino non si racconta da solo. L’abbiamo incontrata al ritorno da questo intenso mese di ottobre per sentire le sue impressioni. “Ho preso parte a numerosi appuntamenti, tanta gente incontrata – ci racconta Silvana Raniolo – ho bellissimi ricordi. A Londra, in particolare, è stato fantastico: qui ho incontrato molti ristoratori inglesi ma anche dei siciliani come coloro i quali gestiscono il locale londinese Tasting Sicily. Ognuno di loro mi fa domande sulla Sicilia; sì perché la gente lì è sempre molto curiosa quando sente parlare della Sicilia, pensano al sole ed al mare. Mi dicevano “Beata te, qui sempre piove, non sai mai come finirà la giornata!”. Questo soprattutto a Londra, dove la mattina vedevi il sole ma durava veramente poco. Subito dopo iniziava a piovere o a fare freddo. Molti volevano sapere qual è il periodo migliore per venire in Sicilia, quali posti visitare, etc. A fine serata con l’importatore della Finlandia davamo lezioni di siciliano e si finiva sempre con grandi risate”. La Sicilia piace, così come i suoi vini. Ce ne dà conferma anche Silvana che fra la zona di Vittoria e quella dell’Etna produce oggi sette vini più un eccellente olio extravergine di Carolea, tutto in biologico. “I vini siciliani piacciono. Naturalmente io propongo quelli della mia azienda e noto che hanno un grande riscontro perché non sono artefatti ma sono vini immediati, armonici e freschi e ciò è dovuto al tipo di terreno dove sono impiantati i vigneti, ad alberello, nonché alla scelta intrapresa di non far passare i vini in legno e al buon lavoro fatto dal nostro enologo, Carlo Ferrini”. Vini fatti con cura e con altrettanta cura promossi. Un duro impegno che costa sacrifici e rinunce. “Le giornate specie quando sei fuori iniziano molto presto. Primo appuntamento con il nostro importatore per fare il programma della giornata.  E poi si parte alla volta dei vari ristoratori e così tutta la giornata passa fra visite e degustazioni di vini, si incomincia alle 10.00 finendo anche alle 17.00. Ho degustato i miei vini anche sei, sette volte in un giorno. Molto piacevoli però le serate, trascorse con gli appassionati ed i privati nelle enoteche”- ci racconta ancora Silvana che oltre ad essere una brava imprenditrice è anche mamma-. “Ho la grande fortuna di condividere la mia passione con mio marito, il quale, in mia mancanza, si fa carico dei bambini. Per alcuni viaggi cerco di coinvolgere tutta la famiglia; ad esempio in Finlandia siamo andati tutti”. Fatiche ma anche importanti riconoscimenti. Quelli delle guide come Slow Wine o Vini d’Italia ripagano dalle fatiche e danno la giusta carica per andare avanti e fissare nuovi obiettivi da raggiungere. “Intanto, per la primavera prossima, cercheremo di completare i lavori di ristrutturazione della cantina in C.da Bastonaca per essere pronti con le visite. Abbiamo molte richieste per organizzare delle degustazioni. Contemporaneamente, anche a Solicchiata, sull’Etna, dove abbiamo il nostro vecchio vigneto di 60 anni dal quale produciamo l’Etna Rosso, dobbiamo finire i piccoli lavori che stanno interessando il caseggiato rurale che destineremo a sala degustazione”.

Facebooktwittermail
Gianna Bozzali

Gianna Bozzali

Originaria di Vittoria come il suo vino preferito, il nobile Cerasuolo Docg. Dopo la maturità classica, ha conseguito la Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari con il massimo dei voti realizzando una tesi sulla ricotta iblea (i formaggi sono la sua seconda passione, dopo il vino!). Docente di alimentazione alla Scuola Mediterraneo di Enogastronomia “Nosco” di Ragusa Ibla, collabora con diversi giornali on line e riviste specializzate di food&wine nonché con l’emittente televisiva Video Mediterraneo. Solare, socievole, ama stare fra la gente specie con chi condivide le sue stesse passioni: l’amore per la terra. Ama raccontare le storie di chi ha la Sicilia nel cuore e vede nelle sue tante produzioni la cultura dei numerosi popoli che si sono susseguiti nell’isola.

Potrebbero interessarti anche...