La Delegazione Ais di Agrigento tra le finaliste del Premio Surgiva a Taormina

Il Premio Surgiva ogni anno viene riconosciuto alla Delegazione dell’Associazione Italiana Sommelier che si è distinta per attività innovative in ambito associativo finalizzate alla diffusione della cultura del vino e dell’acqua. Il Premio, che verrà consegnato sabato 28 ottobre nell’ambito del 51° Congresso Nazionale dell’AIS, vuole essere un riconoscimento alla squadra dei sommelier che in maniera efficace ha saputo valorizzare il proprio ruolo di ambasciatori del bere di qualità. La bella notizia per AIS Sicilia è che quest’anno tra i finalisti c’è anche la Delegazione di Agrigento anche per l’importante attività di valorizzazione delle bollicine siciliane attraverso l’organizzazione e realizzazione dell’evento Sicilia in bolle. Giunto alla terza edizione, l’evento, interamente realizzato dalla delegazione AIS della città dei templi, capitanata dal suo delegato Francesco Baldacchino, ha registrato numerosi consensi. Protagonisti gli spumanti siciliani, realizzati sia con l’utilizzo del metodo classico e Martinotti in un meraviglioso Tasting realizzato nella terrazza del Ristorante Madison, affacciata sulla suggestiva Scala dei Turchi di Realmonte. In occasione della manifestazione, tra l’altro, si è tenuto un interessante convegno, alla presenza del Presidente Nazionale AIS Antonello Maietta e del presidente regionale Camillo Privitera, sulle bollicine siciliane, questa realtà sempre più interessante. Enologi ed esperti hanno apportato il loro contributo confrontandosi sulle potenzialità della regione, i vitigni, anche autoctoni, le caratteristiche necessarie e le zone di produzione più adeguate per la realizzazione di spumanti di qualità. Le considerazioni emerse hanno suscitato un profondo dibattito ed un notevole interesse da parte dagli operatori del settore.

In attesa di conoscere il nome della delegazione che vincerà il premio, vi proponiamo le interviste realizzate da EnoNews proprio in occasione di Sicilia in Bolle al Presidente nazionale Antonello Maietta, al presidente regionale Camillo Privitera ed all’enologo Tonino Guzzo.

 

 

Facebooktwittermail
Flavia Catalano

Flavia Catalano

Nata in quella che fu anche la città di Eschilo, vive a Catania da più di dieci anni. Laureata in giurisprudenza, perché nella Giustizia crede fermamente, completa il suo percorso formativo diventando Avvocato e Specialista in professioni legali. Oggi è un temutissimo liquidatore assicurativo. Donna volitiva, testarda e determinata affina le sue innate doti manageriali frequentando un master in gestione e sviluppo delle risorse umane. Le scommesse che ama vincere sono quelle con sé stessa. Considera gli ostacoli un’opportunità; dal corso di vela ha imparato che anche controvento “virando” e “strambando” prima o poi al porto si arriva. Ama esercitare le sue corde vocali guardando le partite della “Signora”. È un’appassionata collezionista di scarpe e borse. Non ha mai giocato con le bambole, e le principesse non rientrano tra le sue muse ispiratrici. Specialista in problem-solving, ritiene che il modo più veloce ed efficace per trovare una soluzione sia osservare il problema dalle isole caraibiche. Folgorata dall’incontro con Bacco, oggi il suo sangue ha un’alta gradazione alcolica. Sommelier e degustatrice ufficiale AIS, collabora con EnoNews dal 2013

Potrebbero interessarti anche...