Agriturismo carta vincente per il futuro. Concluso ad Arezzo Fiere XV Agrietour

premio-enoga-a-fabio-campoliTorna a splendere il sole sugli agriturismi italiani. È il segnale che arriva da Arezzo Fiere dove si è conclusa la 15esima edizione di AgrieTour e dove si è registrata con soddisfazione una crescita della domanda di vacanza in campagna. Dall’incontro con più di 100 buyer provenienti da oltre 10 Paesi, un workshop del B2B da cui è emerso come l’offerta agrituristica italiana abbia tutte le carte in regola per imporsi come punto di attrazione turistica. In particolare è emerso che il concetto di ricettività non si ferma al solo pernottamento, ma si lega all’enogastronomia, all’arte, alla cultura del territorio che viene visitato dal turista. Insomma la vacanza deve diventare ospitalità a tutto tondo ed è il momento di fare sinergia tra i vari attori della filiera.
Successo per la fiera anche in termini di visitatori con più di 10mila persone che hanno scelto AgrieTour nei tre giorni, per conoscere il mondo rurale e fare acquisti a chilometro zero. E poi ancora oltre 60 tra convegni, cooking show, incontri, seminari, e i master: sei appuntamenti per un percorso formativo completo sull’agriturismo e la gestione aziendale, dal progetto al management. Numeri che hanno caratterizzato l’edizione numero quindici di AgrieTour, il Salone nazionale dell’agriturismo e dell’agricoltura multifunzionale che si è svolto ad Arezzo Fiere e Congressi. «È un evento – dice Andrea Boldi, presidente di Arezzo Fiere – che ha visto crescere la propria importanza nel settore grazie sopratutto alla qualità dei contenuti offerti in tre giorni agli espositori, agli operatori e agli addetti di un settore che continua a crescere. Lo eravamo 15 anni fa, lo siamo a maggior ragione oggi che Arezzo sia sempre più punto di riferimento per l’agriturismo». Agrietour rappresenta una grande opportunità anche per la città di Arezzo, continua Boldi «perché la manifestazione offre la possibilità di conoscere e toccare con mano la realtà dell’agricoltura, avere un rapporto diretto con il mondo agricolo».
Premio Enogà per le eccellenze. AgrieTour è stato anche il palcoscenico per il premio Enogà andato quest’anno a Fabio Campoli, chef, volto noto della tv italiana. Come sottolinea Giorgio Menna, organizzatore del premio e presidente di Enogà, «ogni anno vogliamo celebrare le figure di eccellenza dell’agroalimentare, dell’enogastronomia, della ristorazione e della tecnologia alimentare. Nato nel 2000, con il premio proseguiamo sul cammino per sottolineare lo straordinario lavoro dei protagonisti di questo mondo». La giuria, presieduta dallo stesso Giorgio Menna, ha premiato quest’anno anche Bruno Vespa, Franco Maria Ricci e le farine Caputo.agrietour-logo-agriturismo
Il premio fotografico L’uomo e la campagna Uno sguardo diverso sul mondo agricolo è stato offerto da “L’uomo e la campagna”, contest fotografico promosso dal club FotoZoom di Arezzo in collaborazione con AgrieTour. Sono stati 109 i fotografi che hanno partecipato da tutta Italia per un totale di 197 fotografie arrivate alla giuria che vedeva presenti, tra gli altri Fabrizio Casilini presidente di FotoZoom. Come sottolinea Roberto Acciori, organizzatore del premio, «le foto erano tutte di qualità medio alta, c’erano davvero tante belle foto», Ad aggiudicarsi il primo premio è stato Rocco Scattino di Ferrandina (Mt) con “La Tosatura”. Sugli altri due gradini del podio Luciano Cardonati, secondo, di Figline Valdarno (Fi) e la foto “L’orto di Beppino” mentre terzo si è classificata “Ritorno all’ovile” foto scattata da Valter Pratesi di Arezzo. Menzione Speciale per “Paesaggio agricolo” di Nicola Grande di Torino. Al primo classificato è andato un soggiorno per due persone presso l’agriturismo Le Rocche a Capolona (Ar), mentre agli altri classificati prodotti tipici offerti da Coldiretti Arezzo attraverso le aziende agricole del territorio.

Facebooktwittermail
La Redazione

La Redazione

La Redazione di EnoNews.it

Potrebbero interessarti anche...