Sicilia in Bolle 2018: edizione record con degustazioni e ospiti d’eccezione

La serata clou di “Sicilia in Bolle” tenutasi lo scorso 2 luglio presso il Madison di Realmonte (AG) ha sfiorato la cifra record delle 700 presenze, dimostrando in un crescendo vertiginoso che il festival dedicato alle bollicine siciliane è entrato di diritto fra le manifestazioni più attese dai winelovers. Per l’occasione le splendide terrazze del Madison, affacciate sulla spettacolare e bianchissima costa della Scala dei Turchi, hanno ospitato 52 cantine provenienti da tutta la Sicilia e 49 etichette facenti parte dell’Istituto Trento Doc, accompagnate dalla responsabile Sabrina Schench e da un illustre ambasciatore: il miglior sommelier d’Italia 2017 Roberto Anesi. La presenza del Trento Doc è stata una delle grandi novità di questa quarta edizione, un matrimonio ben riuscito quello tra profondo sud ed estremo nord, a beneficio di tutti i partecipanti.

Un’altra grande novità è stata l’organizzazione delle 2 Masterclass: una dedicata al Trento Doc guidata da Roberto Anesi ed un’altra dedicata alle bollicine siciliane condotta da Pietro Caravello, Delegato AIS Messina Tirrenica. Un’occasione di approfondimento che ha riscosso grande interesse e massiccia adesione, tanto da registrare il tutto esaurito ben 10 giorni prima dell’evento. Ciò ha reso necessario l’estensione della manifestazione a due giorni, con un’apertura lavori che ha visto tra i protagonisti il giornalista Umberto Gambino, Antonio Rallo (Presidente Doc Sicilia), Alessio Planeta (Presidente Assovini Sicilia) e un brillante discorso del neo – rieletto Presidente Nazionale Antonello Maietta che ha ricordato come la sommellierie italiana, con AIS in prima linea, ha fortemente lavorato in questi anni per liberare lo spumante da quella posizione scomoda relegata esclusivamente al fine pasto, una vera rivoluzione culturale che ha rifondato il concetto di aperitivo e non solo.
Questa rinnovata formula di “Sicilia in Bolle” ha riscosso l’elogio del Presidente Maietta e di tutto il direttivo regionale riunito per l’occasione, con in testa Camillo Privitera, Presidente AIS Sicilia, che ha lodato l’organizzazione curata da AIS Agrigento in collaborazione con AIS Sicilia.
La serata è stata l’occasione per AIS Agrigento, rappresentata dal suo Delegato Francesco Baldacchino, per salutare gli ospiti e annunciare ai soci intervenuti gli esiti del primo Consiglio Direttivo Regionale e l’attribuzione degli incarichi ai neoeletti consiglieri. Il Party è poi proseguito tra i calici e la deliziosa cena buffet curata dallo chef Antonio Di Caro.
Allo scoccare della mezzanotte non è mancato il rituale della sciabolata, i sommelier si sono cimentati con classe ed eleganza nell’antica arte dell’apertura della bottiglia con un colpo di sciabola, in un finale spettacolare e spumeggiante che ha permesso un brindisi corale. Subito dopo si sono accese le luci della pista per ballare con Amaro Amara fino a notte fonda e per darsi appuntamento all’edizione 2019, che è già nata ed ha grandi presupposti.

Facebooktwittermail
Valeria Lopis

Valeria Lopis

Nativa etnea, sommelier AIS e giornalista pubblicista che ha all'attivo numerose collaborazioni con magazine e riviste di settore, cura uffici stampa per eventi e aziende. Una grande passione per la campagna e le vigne la spinge ad esplorare il terroir locale, e non solo, con entusiasmo. Da buona siciliana ama il cibo di qualità e la condivisione di esso, un immenso patrimonio culturale da valorizzare e comunicare.

Potrebbero interessarti anche...