Enrico Briguglio: un esempio per tutte le eccellenze siciliane

Enrico_Briguglio2Si pensa, spesso, che il mondo della comunicazione agroalimentare e dell’enogastronomia d’eccellenza sia sempre fatto di notizie quantomeno gradevoli, di degustazioni, di assaggi, di cronache “della tavola” e “ delle cantine”, e niente di più…
E invece, arriva quel giorno in cui devi scrivere una notizia che non avresti mai voluto. La scomparsa di Enrico Briguglio, presidente de Le Soste di Ulisse e soprattutto grande esperto ed appassionato, divulgatore e difensore dell’eccellenza enogastronomica siciliana, lascia tutti noi tristi e sgomenti. Da giorni, ormai, si susseguono su Facebook centinaia e centinaia di messaggi di condoglianze alla famiglia; sui giornali la notizia fa trasparire sempre, su qualunque testata, il ricordo che ci ha lasciato di lui: quello di un uomo ottimista, amante del bello e del buono, di questa Isola con tutte le sue bellezze, i suoi sapori e le sue contraddizioni.
Se la ristorazione ha fatto grandi progressi, lo si deve anche a Enrico Briguglio. Perché egli stesso ristoratore Doc. Il mondo del turismo e dell’accoglienza ha appreso tanto dal suo esempio. Come giustamente sottolineato da altri colleghi della stampa, Briguglio è stato per decenni un punto di riferimento anche per gli chef. Chi lo ha conosciuto e ha lavorato al suo fianco, non solo serba un grande ricordo di lui, ma siamo sicuri che è cresciuto anche culturalmente e professionalmente.
Anche la Redazione di EnoNews è vicina alla famiglia di Enrico e vuole ricordarlo nel suo pieno vigore e nella sua cortesia sempre presente.
Ho avuto modo di incontrare professionalmente Enrico innumerevoli volte, ma tra di noi c’era innanzitutto una bella amicizia – dice il presidente di Ais Sicilia, Camillo Privitera, editore del nostro quotidiano EnoNews – e sono vicino ai suoi cari, con grande affetto”.
I miei incontri con Briguglio sono stati pochi – aggiunge il direttore di EnoNews, Antonio Iacona – e sempre in contesti dove la cucina ed il vino siciliani venivano presentati al grande pubblico. Ed ogni volta i suoi interventi erano seguiti con estrema attenzione, anche dagli addetti ai lavori. Per questo, lo ringrazio per ciò che mi ha trasmesso culturalmente”.

Facebooktwittermail
La Redazione

La Redazione

La Redazione di EnoNews.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.