Etna Resiliency: cultura e musica per vivere il vulcano. Sabato presentazione

Sarà presentata alla stampa sabato prossimo, 29 luglio, alle ore 11,00, con una conferenza la manifestazione Etna Resiliency, il ricco calendario di eventi che l’Azienda Agricola Primaterra propone ai siciliani e al pubblico di enoturisti appassionati di vino e di cultura tra i propri vigneti in Contrada Sciaranuova, a Randazzo. Ad ospitare la conferenza stampa saranno i locali della Masseria Carminello, il ristorante agriturismo di Valverde, dove a seguire si svolgerà anche una breve ma intensa degustazione di vini Primaterra. Coordinato dal giornalista e direttore di EnoNews (media partner dell’evento) Antonio Iacona, l’incontro vedrà l’intervento del sommelier e produttore dell’Etna, Camillo Privitera, ideatore e organizzatore della manifestazione, e dei numerosi artisti che arricchiscono il calendario degli eventi, che andranno dal 5 al 14 agosto. L’evento gode del supporto logistico di AIS Sicilia, di cui Camillo Privitera è presidente regionale.
Etna Resiliency è un progetto di musica e suoni promosso da Primaterra, realizzato a 850 m. sulle pendici dell’Etna. Contrada di grande qualità per la produzione di vini doc Etna, dove la necessità umana diventa quella di ascoltare e comunicare con il suono e la necessità culturale quella di degustare il vino per ampliare attraverso esso la possibilità di creare un legame trascendente. Il sommelier Camillo Privitera abbinerà una selezione di vini, ispirandosi a ogni singolo lavoro.
Già l’anno scorso Primaterra aveva proposto un calendario interessante di eventi culturali con Etna Reverie, con l’adesione di numerosi artisti nazionali e internazionali che en plein air avevano realizzato le proprie opere tra i vigneti. Quest’anno si replica, ma con la musica e la letteratura e ci sono i presupposti perché sia un altro successo.
Questo il calendario degli appuntamenti:

Sabato 5 agosto ore 19.30 – “Il respiro della Montagna” Quartetto Elsa – Programma musicale: W.A. Mozart Quartetto k421 in re minore – I. Allegro – II. Andante – III. Menuetto: Allegretto – Trio – IV. Allegretto ma non troppo

Dmitri Shostakovich- Quartetto n3 op73 in fa maggiore
Allegretto – Moderato con moto – Allegro non troppo – Adagio – Moderato

Domenica 6 agosto ore 19,30 – ”Sarà una Stella” Maria Micali, Divagazioni, da Bach a Beethoven a Chopin a…
Giovedì 10 agosto ore 19.30 – “Le sonorità” di Vincenzo Tommaseo – Aleph Kaph Aleph von Chaos to Nature von Nature to Robot.
Sabato 12 agosto ore 19,30 – “Le ragioni dell’addio” dal libro di Giovanni Scibilia, con Alessandra Famoso e Giovanni Scibilia.
Lunedì 14 agosto ore 19,30 – “Liberi tutti” – mostra di video e foto.

Biografie degli artisti

Quartetto Elsa. Quartetto Elsa nasce nel 2014 in seno alla JuniOrchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, dall’incontro tra Alice Notarangelo (1999) e Sofia Bandini (1999), violini, Emanuele Ruggero (1996), viola, e Leonardo Notarangelo (2000), violoncello. Nel corso di un’intensa attività sinfonica, che li ha avvicinati alla pratica concertistica, hanno riconosciuto gli uni negli altri compatibilità strumentale e umana. Il Quartetto ha ricevuto numerosi premi tra cui il Primo Premio Assoluto al 17° Concorso Nazionale “Riviera Etrusca”, il Primo Premio Assoluto al 10° Concorso Internazionale “Città di Tarquinia” e il Primo Premio per la categoria Musica da Camera al 24° Concorso Internazionale “Anemos”.
A Settembre è stato ammesso al Corso di Alto Perfezionamento per Quartetto d’Archi dell’Accademia W. Stauffer di Cremona e dal 2017 è stato selezionato per far parte del progetto “Le Dimore del Quartetto”.

Maria Micali. Maria Micali ha iniziato a studiare musica all’età di 4 anni appassionandosi in particolare al pianoforte. Oggi ha 15 anni e frequenta il primo anno del corso di laurea triennale presso l’istituto Superiore di Studi Musicali di “Tchaikovsky”. Ha partecipato a diversi concorsi e Master Class conseguendo vari premi e riconoscimenti. Il suo repertorio è in costante crescita e varia da autori romantici a compositori contemporanei.

Vincenzo Tommaseo, siciliano originario della provincia di Ragusa, classe 1983, cresce negli anni in cui la musica elettronica vede la sua più alta realizzazione. Assorbe e fa sue atmosfere e sonorità dando sin dall’infanzia segni di profondo interesse per la musica collegando diverse unità stereo al fine di realizzare rudimentali remix. Affinando nel tempo tecniche e mezzi di produzione si avvicina al mondo del Djing arrivando ad esibirsi in rinomati clubs di Catania, Bologna e riviera Romagnola. Le sue produzioni sono eclettici incontri di sonorità dalla spina dorsale tipicamente Elettronica con una forte carica emotiva coadiuvati da bassi intensi e profondi, da una ritmica ben definita e d’impatto e da sintetizzatori coinvolgenti. www.soundcloud.com/vincenzo-tommaseo.

Giovanni Scibilia. Catanese di nascita e per scelta, è uno scrittore, compositore e chitarrista autodidatta. Con determinazione e passione decide di pubblicare  nel 2016  il suo primo libro dal titolo “Le ragioni dell’addio” edito da Amazon. Contestualmente compone i brani per lo spettacolo “Reading – Le Ragioni dell’Addio” che lo vede autore del libro, compositore e musicista al tempo stesso.

Alessandra Famoso, imprenditrice nel mondo della comunicazione, si avvicina al teatro attraverso il corso di recitazione dell’attrice Lucia Sardo e del maestro Marcello Cappelli. Nello spettacolo “Reading – Le Ragioni dell’Addio” legge e interpreta alcuni brani del libro, portando l’ascoltatore nel mondo romantico, ironico e, a volte, crudo del protagonista.

Facebooktwittermail
La Redazione

La Redazione

La Redazione di EnoNews.it

Potrebbero interessarti anche...