Un evento unico: “Etna e Chic Chef”

locandina_etna_chicUn evento unico perché unica al mondo è la vera protagonista dell’appuntamento: la cucina siciliana! Una cucina che viene dai tempi più remoti, che porta con sé la storia stessa del nostro popolo, che conserva nel suo animo tradizioni, leggende, miti e soprattutto l’eccellenza meravigliosa di un’Isola magica: la Sicilia!
Ma come è cambiata nel corso dei secoli la cucina siciliana? Cosa ha ancora da raccontare? E con essa, un altro grande protagonista: il vino dell’Etna. Come si sposano questi due amanti?
A svelarlo sarà un appuntamento altrettanto unico: “Etna e Chic Chef”, l’evento organizzato dall’associazione Chic, Charming Italian Chef, in programma il prossimo 29 settembre, in due location esclusive: a Passopisciaro, ospiti di Graci Viticultori sull’Etna, e al Golf Resort “Il Picciolo” di Castiglione di Sicilia.
Dopo essersi svolto in passato in una location altrettanto suggestiva, come Taormina, quest’anno l’evento si sposta dunque sull’Etna, con tutto il fascino di cui è capace il vulcano. È la VII edizione, come spiega Pietro D’Agostino, Chic Chef per la Sicilia, (1 stella Michelin, patron del ristorante “La Capinera” di Taormina). “L’evento – dichiara D’Agostino – racconterà com’è cambiata nel tempo la cucina siciliana”. Così, immersi nella piena atmosfera della vendemmia, in un luogo incastonato ai piedi del vulcano, gli chic chef racconteranno a loro modo, tra degustazioni, workshop e cooking show, l’incontro tra le ricette secondo tradizione, i prodotti stagionali del territorio, il vino dell’Etna con la cucina di innovazione che nel tempo ha cambiato stile e linguaggio. Secondo l’intrigante programma della giornata, agli chic chef, interpreti moderni di una tradizione culinaria antica, sarà richiesto di presentare dal vivo le due versioni di un piatto: quella tradizionale e l’altra innovativa.
Ed eccoli, allora, gli interpreti di questo favoloso racconto: naturalmente, ospite d’eccezione, il direttore Chic Chef Raffaele Geminiani, e poi otto maestri pluristellati provenienti da tutte le regioni d’Italia: Marco Sacco, presidente Chic Chef ristorante Piccolo Lago di Verbania, 2 stelle,  Giuseppe Bonsignore, Hostaria l’oste ed il Sacrestano di Licata, Felice Lo Basso Unico di Milano, Carmine Nozzolino JSH Hotel, Simone Strano Hotel Monte Martini, Andrea Ribaldone JSH Hotels, Seby Sorbello dell’Esperia Palace hotel Zafferana Etnea,  Martina Caruso dell’Hotel Signum di Salina, oltre naturalmente al patron Pietro D’Agostino de La Capinera.
Seby Sorbello, presidente dell’Associazione Provinciale Cuochi Etnei, ha da subito confermato il totale sostegno e supporto tecnico all’evento: per la cultura che esso esprime, per la lunga amicizia e collaborazione che lega Sorbello stesso con D’Agostino e perché entrambi gli chef sono convinti e consapevoli che questo territorio ha davvero tanto da esprimere in termini di potenzialità enogastronomiche, e dunque turistiche ed economiche.

Gli otto chef sono così di provenienza diversa: un piemontese, due laziali, un milanese, e tanta Sicilia, e si accosteranno ai prodotti di eccellenza dell’agroalimentare del comprensorio etneo con la propria sensibilità e fantasia, per creare piatti della migliore cucina tradizionale, come lo chef di Verbania che utilizzerà i porcini etnei per l’uovo barzotto o quello romano che per il suo crumble attingerà al pistacchio di Bronte.

chef_etna_chicNel dettaglio, la kermesse enogastronomica, che si terrà alle Cantine Graci, inizierà alle ore 10, con il workshop, moderato dal giornalista Rai Alex Revelli Sorini, docente dell’Università San Raffaele di Roma e gastrosofo, dal titolo: “La cucina siciliana: proposte innovative, evoluzione di una tradizione millenaria”.
Relatori saranno Cinzia Randazzo, docente di Microbiologia degli Alimenti del Dipartimento Agricoltura, Alimentare e Ambiente Università di Catania; Onofrio Corona, docente di Enologia Università di Palermo; Giuseppe Benanti, produttore vinicolo patron dell’omonima azienda; Fabrizio Carrera, giornalista enogastronomico direttore Cronache di Gusto.
Alle 12,30, sempre alle Cantine Graci, le quattro future stelle siciliane, Giovanni Santoro dello Shalay Resort di Linguaglossa, Giuseppe Raciti di Zash Boutique Hotel ‘’Riposto’’ e Giovanni Grasso de La Plage Resort Taormina, Martina Caruso dell’Hotel Signum di Salina si esibiranno in un cooking show.
Nel pomeriggio l’evento si sposterà all’Hotel Picciolo Golf Club. Alle 17, in programma “L’Etna, il vulcano di-vino”, una degustazione a cura dei produttori di vino dell’Etna, guidata da Camillo Privitera, presidente AIS Sicilia. Alle 19 seguirà, invece, una degustazione di prodotti agroalimentari del territorio. Infine, alle 20,30, seguirà la cena di Gala (info prenotazioni tel: 338 15.88.013 costo 90 euro), a cura degli otto chic chef, servita sotto i portici  dell’Hotel Il Picciolo Golf Club.
EnoNews seguirà in prima linea l’intera manifestazione, per aggiungere alle sue pagine un altro unico e meraviglioso racconto della terra di Sicilia!

Facebooktwittermail
Antonio Iacona

Antonio Iacona

L’Accademia Italiana di Gastronomia Storica, guidata dallo studioso e presentatore Rai Alex Revelli Sorini, ha nominato Antonio Iacona “Ambasciatore e Questore del Gusto” per la città di Catania, per il suo impegno nel diffondere le tradizioni enogastronomiche del territorio come strumento di sviluppo culturale, economico e turistico. Poeta, scrittore e giornalista catanese, laureato in Lettere Moderne, Antonio Iacona è sommelier, assaggiatore di olio, cura uffici stampa di eventi legati all’agroalimentare e collabora con numerose testate giornalistiche nazionali di enogastronomia. Dal 2013 cura l’ufficio stampa dell’Associazione Provinciale Cuochi Etnei.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.