Piccoli passi di un grande progetto: un nuovo sentiero per il Mulino di Cava d’Ispica

20151115_115933 I grandi progetti partono dai piccoli: questa, con ogni probabilità, l’idea alla base del progetto dell’Associazione di Promozione Turistica Trinacria Itinerari: ripristinare, a Cava d’Ispica, il vecchio percorso di collegamento tra il Park Soprintendenza e il Museo del Mulino ad Acqua. Un progetto, considerato lo scenario affrontato, nemmeno così minuto: là dove erano fango, sterpi e detriti a regnare, da sabato scorso si allunga una solida massicciata in pietra bianca, percorsa per la prima volta da bighe elettriche e biciclette, in testa la presidente di Trinacria Itinerari, Annalisa Digrandi, e il sindaco di Modica, Ignazio Abbate.
Il percorso è un esempio prezioso di efficace sinergia tra attori diversi: l’Unione Europea, erogatrice del denaro necessario tramite fondi PSR (Piani di Sviluppo Rurale), l’associazione privata di Promozione Turistica Trinacria Itinerari, proponente e curatrice del sito, l’Ispettorato Provinciale dell’Agricoltura di Ragusa, nella persona di Giorgio Carpenzano, ufficio materialmen20151115_120207te destinatario dei fondi elargiti grazie alla misura 313, e l’amministrazione comunale di Modica, solerte a dirimere in tempi brevi gli offici burocratici per la realizzazione del progetto.
Non un semplice sentiero, ma il doveroso scenario d’ingresso ad uno dei rari esempi ancora in piedi di archeologia rurale e industriale siciliana: il Museo ad Acqua Cavallo d’Ispica.
Vecchio mulino ad acqua perfettamente funzionante, un tempo fornitore di farina per gli abitanti del circondario (e di acqua di irrigazione una volta a settimana, quando la molitura veniva sospesa), rappresenta ancora oggi la testimonianza di un tempo non troppo lontano (fino agli anni Cinquanta), quando cibo ed energia elettrica dipendevano dalla sua ruota.
Privo di impetuosi corsi fluviali,20151115_122113 il territorio ragusano affidava la vita dei propri mulini a ingegnosi canali artificiali, capaci di indirizzare e convogliare le acque dei torrentelli in grandi vasche sopraelevate, dalle quali far precipitare rapidamente grosse masse d’acqua per muovere le pale.
Un interessante luogo d’attrazione turistica, dunque, arricchito dalla possibilità di assistere alla reale molitura del grano (l’autoctono Russello) e da un piccolo museo rurale, animato dalla competente guida del posto.
Un sentiero orgogliosamente ricostruito quello inaugurato oggi, ideale punto di partenza di un percorso più ampio, nato all’interno del progetto Green Tours – Itinerari del Gusto (www.greentours.it): quello della “via del grano”, da proseguire a ovest, verso Valguarnera, là dove il turista potrà vedere la farina trasformarsi in caldo pane. Quello DOP del Dittaino.
Un progetto arricchito dalla nuovissima sede dell’associazione, a Modica, donata dall’amministrazione comunale, inaugurata nell’auditorium “Tommaso Campailla” domenica 15 novembre, alla presenza del sindaco di Modica, Ignazio Abbate, del sindaco di Chiaramonte Gulfi, Vito Fornaro, del dirigente provinciale Giorgio Carpenzano e della stessa presidente Annalisa Digrandi. Una sede di cui tutti gli attori si dichiarano entusiasti: un punto di riferimento importante per una maggiore visibilità, a beneficio dei turisti desiderosi di fruire dei servizi messi a punto dall’associazione.

 

Facebooktwittermail
Gherardo Fabretti

Gherardo Fabretti

Appassionato di leggi e latinorum, in principio fu Giurisprudenza. Laureato, invece, in Lettere moderne, diventa presto redattore per riviste di letteratura e fumetti. Alcolismo vuole che il vino inizi a interessarsi a lui, fino al diploma AIS di sommelier e al master in Gestione e Comunicazione del Vino organizzato da ALMA. Vive a Milano, ma quando può fugge, perdendosi volentieri in varie parti del mondo, perché il viaggio, come diceva Costantinos Kavafis, è “fertile in avventure e in esperienze”. Crede che Venezia sia la porta della felicità e Parigi il rifugio degli ultimi romantici. Non ha problemi con gli aerei ma a New York preferirebbe arrivarci in nave. Mentre organizza una breve gita in Mongolia, cerca compagni per il viaggio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.