Florio e Duca di Salaparuta: due cantine storiche al Congresso AIS

Due degustazioni storiche si alterneranno domenica 29 ottobre in occasione del 51° Congresso Nazionale AIS. Due cantine: Florio e Duca di Salaparuta facenti parte dello stesso gruppo –  Duca di Salaparuta –  di proprietà della Illva Saronno Holding.
Un percorso di quasi due secoli quello della cantina Florio con la produzione di un vino unico: il Marsala. Già apprezzato nel 1832, l’azienda ha continuato a stupire estimatori con vini versatili da degustare in varie occasioni: aperitivi, fine pasto o da meditazione.
Una degustazione da annotare tra gli appuntamenti quella del 29 ottobre presso l’Excelsion Palace di Taormina  ore 11:30.
I vini in degustazione:
Malvasia delle Lipari 2010,
Passito di Pantelleria 2014,
Donna Franca s.a. Marsala superiore riserva,
Aegusa Marsala superiore riserva annate 2001 e 1952.

Duca di Salaparuta sarà presente con due icone del panorama enologico: Duca Enrico, grandioso nero d’Avola in purezza che ha festeggiano nel 2014 i suoi primi 30 anni, e Bianca di Valguarnera, elegante ed aristocratico vino bianco da uve insolia e che anch’esso spegnerà le 30 candeline quest’anno. Ma Duca di Salaparuta è anche innovazione e sperimentazione di vitigni difficili come il Pinot Nero, soprannominato  “l’Enfant Terrible”, coltivato nella tenuta di Vajasindi sull’Etna dove ha trovato le condizioni pedoclimatiche ideali. Vini di forte espressione territoriale e prodotti in territori vocati come Riesi, Salemi e alle pendice dell’Etna.
A raccontare la storia e i segreti di tanto successo i rappresentanti del gruppo Duca di Salaparuta: Benedetta Poretti e Giuseppe Spagnuolo.
Al San Domenico Palace alle ore 18:30 un pezzo di storia sarà presente nei vostri calici. Ecco i vini in degustazione:
Bianca di Valguarnera annate 2016/2013/2006
Duca Enrico annate 2011/2008/1997/1987
Nawàri annata 2014.

Domenica 29 ottobre ore 11.30 – FLORIO

Domenica 29 ottobre ore 18.30 – DUCA DI SALAPARUTA

 

Facebooktwittermail
Agata Faro

Agata Faro

Ha seguito il richiamo della sua passione attraverso la serie di corsi per conseguire gli attestati dei vari livelli di sommelier AIS, fino al riconoscimento dell’abilitazione professionale. Iscritta dal 2012 nell’elenco generale degli esperti degustatori vini D.O., presso l’Assessorato Regionale dell’Agricoltura dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea, il suo motto è “Degustare in viaggio”. Ritiene, infatti, che il modo migliore per comprende un vino e la storia di chi lo produce è quello di vivere il territorio. Dal 2011 collabora con EnoNews raccontando di viaggi, degustazioni, e di buona cucina.

Potrebbero interessarti anche...