Barolo, il nobile delle Langhe incontra i sapori siciliani dello Chef Claudio Ruta

Profondo e austero, il Barolo non è mai semplice. Non si rivela facilmente al primo assaggio, ma piano piano sa aprirsi e rivelare i suoi segreti. Sa raccontare la bellezza del suo territorio d’origine, le colline dalle meravigliose sfumature di colore: le Langhe. Il prossimo 23 febbraio al ristorante La Fenice a Ragusa in scena una magnifica serata dedicata al nobile per eccellenza fra i vini italiani. Il Barolo della storica azienda Pio Cesare, nelle sue diverse annate e declinazioni, sarà abbinato alle creazioni raffinate dello chef Claudio Ruta. “L’assaggio di annate diverse del nostro Barolo Classico ci dà l’opportunità di far comprendere quanto la Pio Cesare, per volontà del suo titolare Pio Boffa, sua figlia Federica e suo nipote Cesare, continui, anno dopo anno, ad essere fedele alla tradizione e ad allo stile nato nel 1881 grazie a Cesare Pio (fondatore e bisnonno di Pio Boffa) – afferma Franco Alesso, Direttore Italia dell’azienda-.” La Pio Cesare produce le proprie uve negli oltre 70 ettari di vigneti di proprietà, ubicati in esposizioni particolarmente vocate in diversi comuni della zona del Barolo e del Barbaresco. La cantina si trova nel centro storico della Città di Alba, costruita a fine ‘700 e delimitata dalle antiche Mura romane di cinta di Alba Pompeia, che ne fanno da fondamenta. “Essere tradizionali per noi – aggiunge Alesso – significa produrre i nostri vini rimanendo fedeli allo stile di famiglia, anno dopo anno, vendemmia dopo vendemmia”.
Si aprirà con un aperitivo di benvenuto: L’ostrica di Bretagna incontra il manzo di Alleva bio, un crudo di ostrica papillon su bocconcino di manzo siciliano e maionese leggera all’olio D.o.p, e Come Pane & panella, ossia Pane, foie gras e cipolle di Giarratana confit. In abbinamento il Vermouth Pio Cesare. Si entrerà nel vivo della cena con gli antipasti: Crackers di speck “chiaramontano” e verdure, cremoso di formaggio di capra, nocciole e gocce di rapa rossa e Sfilacci di guancetta tiepida di Charolais, mandorlo in fiore e fagiolo “Cosaruciaru” di Scicli. In abbinamento il Barolo Pio Cesare 2014.
Come primo piatto saranno serviti dei Ravioli di farina Moringa con due ripieni, Ragusano e salsa di brasato con ristretto di carne e le verdure dei nostri contadini a cui sarà accostato del Barolo Pio Cesare 2012. Come secondo piatto ecco lo Stinco di manzo al fieno bruciato e fondo di carrube, farinata di “russiettu” e lampascioni. Vino in abbinamento sarà il Barolo Pio Cesare 2010.
Infine per dessert la Impanatigghia al bicchiere con cui sarà servito il Barolo Chinato Pio Cesare. E per salutarci i Bottoni di farina tibetana, Bacche di Goji e pistacchi.
“Abbinare il cibo di una regione con il vino di un’altra, in questo caso la Sicilia con il Piemonte, fornirà lo spunto per parlare di storia, tradizioni e cultura che queste regioni esprimono grazie delle persone che da sempre le popolano – conclude Franco Alesso -. Un grazie particolare allo chef Ruta che saprà coniugare i due territori”.

Orario di inizio 20.30.
Per info e prenotazioni +39 0932.252070

Facebooktwittermail
La Redazione

La Redazione

La Redazione di EnoNews.it

Potrebbero interessarti anche...