“Formaggi di…vini” a Locanda Gulfi: viaggio sensoriale nella campagna ragusana

Circondata da verdi colline e incastonata nel cuore della campagna ragusana punteggiata di ulivi, Locanda Gulfi gode di un affaccio privilegiato sul vigneto tutt’intorno, che ristorerà già all’arrivo la vista di ogni visitatore.
La struttura, che prevede anche possibilità di pernottamento, è un ristorante con cantina senza soluzione di continuità dove l’ospite può assaporare un buon piatto e beneficiare di un lungo sguardo sulla sala d’affinamento attraverso le pareti in vetro.
In cucina c’è un’organizzata brigata capitanata con personalità dallo Chef Carmelo Floridia, ruggente quarantenne (43 per l’esattezza) modicano, da 26 anni ai fornelli dei quali gli ultimi 10 proprio in locanda.
La proposta della Locanda valorizza i classici del territorio non senza qualche rivisitazione contemporanea, perfetta per l’enoturista che desidera assaporare il buon cibo della tradizione contadina iblea in abbinamento ai grandi vini d’etichetta Gulfi.
La cantina, guidata dall’enologo Salvo Foti, propone vini da uve autoctone fortemente identitarie e rappresentative della Sicilia, una produzione certificata in biologico nel pieno rispetto dei cicli naturali.
E’ sempre possibile visitare la cantina e la bottaia accompagnati dal sommelier della casa Rocco Greco, il tour è un assaggio dell’ospitalità di Gulfi nonché il perfetto preludio al pasto.
La Locanda accoglie ed abbraccia numerose occasioni di approfondimento: wine tasting di avvicinamento al vino e giornate dedicate alla valorizzazione di un prodotto, come l’appuntamento “Formaggi di…vini”, un focus riservato ai formaggi declinati in tantissime varianti.
Una giornata nella quale i prodotti caseari degli affinatori Food – Custodi dei Sensi sono stati i protagonisti, ben 15 formaggi tra italiani ed esteri in degustazione, tutti rigorosamente da latte crudo, una differenza che si coglie al primo assaggio attraverso la persistenza e l’intensità dei sapori al palato.
Gli affinatori Stefania Cilia, Paolo Moltisanti e Carmelo Cilia di Food- Custodi dei Sensi diffondono un prodotto di altissima qualità ed insieme ad esso la cultura del mangiar bene, senza fermarsi al km zero ma con una sana curiosità che li porta ad esplorare e ad offrire formaggi della migliore tradizione casearia italiana, francese e inglese.
Un negozio al centro di Ragusa è la casa base di Food – Custodi dei Sensi, ma è possibile trovarli anche in giro per la Sicilia nei migliori ristoranti e rivenditori.
Dopo un inizio pasto dedicato ai caprini, tra i quali la chicca del caprino cagliato con il latte di fico, si è passati via via ai formaggi più strutturati come il Bra Duro Dop, passando per il Ragusano Dop da 12, 24 e 36 mesi fino ad arrivare alla pasta dura erborinata dell’inglese Blue Stilton.
Al centro della degustazione casearia le preparazioni di Carmelo Floridia, che ha sublimato i formaggi elaborando una fonduta, un primo di Gnocchetti di semola al Gorgonzola e pistacchi e soprattutto una “cucca” fragrante e indimenticabile, un pane casareccio nel quale il ragusano dop viene unito all’impasto e portato in cottura.
Il valore dell’accoglienza siciliana caro alla famiglia Catania, proprietaria e fondatrice di Gulfi, viene coltivato con passione e cura per essere offerto all’ospite ad ogni singolo passaggio, Locanda Gulfi è una struttura che grazie al buon lavoro e all’impegno rende la nostra isola un posto unico da esplorare anche comodamente seduti a tavola.

Facebooktwittermail
Valeria Lopis

Valeria Lopis

Nativa etnea, è appassionata degustatrice di vino e cibo. Legata all'AIS dal 2014, prima come winelover e poi come Sommelier. Scrivere e comunicare sono "esigenze" che coltiva attraverso le collaborazioni con riviste e rotocalchi. Una grande passione per la campagna e le vigne la spinge ad esplorare il terroir locale, e non solo, con entusiasmo. Da buona siciliana ama la tavola imbandita e il cibo di qualità e la condivisione di essi, un'immancabile tradizione di famiglia che oggi rappresenta anche un patrimonio culturale da valorizzare e comunicare

Potrebbero interessarti anche...