MAGMA profanazioni: Residenza d’artista sull’Etna nell’azienda agricola “Primaterra”

Nell’ambito di “Etna Genesis, Wine, Art and Music Festival” (dal 6 al 17 agosto), manifestazione promossa e organizzata dalla Azienda Agricola “Primaterra” in collaborazione con AIS Sicilia (Associazione Italiana Sommelier), che incrocia arte visiva, musica ed enologia, si terrà la Residenza d’artista dal titolo “Magma, profanazioni” (11- 17 agosto) curata da Giusi Diana. Sono cinque gli artisti invitati a risiedere per una settimana in Azienda, situata a 850 metri di altezza sulle pendici dell’Etna, in contrada Sciaranuova a Randazzo. Si tratta di Emanuela Ascari (che vive tra Torino e la Romania), il duo torinese Caretto/Spagna (Andrea Caretto e Raffaella Spagna) e i siciliani Filippo Leonardi e Alessandro Librio. Artisti che praticano medium diversi, dalla sound art alle installazioni viventi, ponendo al centro della propria ricerca il rapporto con l’ambiente naturale e la relazione tra specie differenti.

Una speciale attenzione sarà dedicata nel corso della residenza ad indagare le potenzialità creative del senso del gusto, avvalendosi della competenza del sommelier Camillo Privitera, presidente AIS Sicilia (Associazione Italiana Sommelier) e Patron di Primaterra. La Residenza sarà occasione per gli artisti ospiti di dedicarsi allo studio del territorio dell’Etna e dei processi di produzione del vino Etna DOC, oltre che di esplorare alcuni aspetti peculiari del mondo dell’enologia, come le potenzialità estetiche della pratica della degustazione.

Alla fine della residenza, che prevede momenti di esplorazione del territorio, sabato 17 agosto saranno condivisi con il pubblico i risultati dell’attività di ricerca dei singoli partecipanti (artisti, critici/giornalisti, sommelier, viticoltori), che prenderanno liberamente forma nel corso della settimana: installazioni, azioni, momenti performativi, tra cui letture all’aperto e degustazioni guidate, nell’idea che intorno al vino ruoterà la convivialità operosa e interrogante della comunità temporanea.

Così Giusi Diana presenta “Magma”: “Come può una comunità temporanea di artisti, critici, giornalisti, viticoltori e sommelier dividere il proprio tempo provando a “profanare i dispositivi” cioè a “restituire all’uso comune ciò che è stato catturato e separato in essi”?, come ci invita a fare il filosofo Giorgio Agamben nel suo saggio “Che cos’è un dispositivo?”. Proveremo a dare una risposta all’interrogativo, esplorando un territorio affascinante e per nulla pacificato come quello di un vulcano attivo, leggendo all’aperto, tra le vigne a 850 metri, nella copresenza e prossimità dei corpi (il primo degli atti profanatori a ben vedere), utilizzando il senso del gusto (forse il meno indagato nel mondo dell’arte) come strumento conoscitivo del paesaggio”.

Titolo: “Magma, profanazioni”
Tipologia: Residenza d’artista
Artisti (su invito): Emanuela Ascari, Andrea Caretto e Raffaella Spagna (Caretto/Spagna), Filippo Leonardi, Alessandro Librio
Curatore: Giusi Diana
Sede: Azienda Agricola Primaterra, Contrada Sciaranuova, Randazzo (Catania)
Periodo: 10-17 agosto 2019
Presentazione fine residenza: sabato 17 agosto h. 18.00
Promozione e Organizzazione: Azienda Agricola Primaterra in collaborazione con AIS Sicilia
info 333-5815102/ 339-6648951 info@viniprimaterra.it

Facebooktwittermail
La Redazione

La Redazione

La Redazione di EnoNews.it

Potrebbero interessarti anche...