Fundraising Dinner: 45 mila euro per la lotta alla fibrosi cistica

Ormai giunto alla quinta edizione, Fundraising Dinner – ” DONIAMOCI”, è uno degli eventi di beneficienza più importanti dell’anno. Cinque anni di costante impegno nel corso dei quali sono stati già raccolti circa centomila euro a supporto delle attività di ricerca.

La manifestazione, tenutasi lo scorso 23 ottobre nella suggestiva location di Radice Pura, ha visto come ospite dell’evento Matteo Marzotto, presidente della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica (FFC), insieme a rappresentanti delle istituzioni ed all’ideatore della manifestazione Claudio Miceli.

Una grande macchina organizzativa che ha messo insieme le eccellenze del nostro territorio, tra organizzatori, artisti, chef, pasticcieri e cantine per sostenere la ricerca. Quest’anno sono stati raccolti ben 45 mila euro da destinare alla lotta alla fibrosi cistica.

L’evento si è svolto in due momenti: La prima parte è stata dedicata ai protagonisti grazie ai quali la ricerca in questi anni ha compiuto importantissimi passi avanti. Fulcro della seconda parte della serata sono stati poi l’arte e la maestria di chef e pasticcieri che con le loro creazioni hanno solleticato i palati degli ospiti dell’evento.

A completare il quadro delle eccellenze siciliane in campo per sostenere questa causa c’era una notevole rappresentanza delle migliori cantine siciliane i cui vini sono stati serviti da una folta squadra di sommelier dell’Associazione Italiana Sommelier. Le aziende vinicole presenti hanno dato la possibilità di degustare vini spumanti, bianchi, rosati e rossi provenienti da tutta la Sicilia.

Centinaia di ospiti hanno potuto apprezzare piatti ed abbinamenti unici che hanno reso ancor più speciale questa serata rappresentando in toto la generosità, l’arte e le eccellenze che ben rappresentano il popolo siciliano.

 

Facebooktwittermail
Francesca Scoglio

Francesca Scoglio

Nata a Messina, il primo incontro con Bacco risale al liceo quando rimase colpita dalla visione delle Baccanti al teatro antico di Siracusa e dalle continue letture di scrittori e poeti classici che elogiavano il vino come “nettare degli dei”. Dopo una laurea in Scienze Politiche conseguita a Palermo, finalmente arriva a Catania. Responsabile d’ufficio ed HACCP nell’azienda per cui lavora, la voglia di imparare la porta a cercare strade alternative. Una discussione apparentemente casuale con una collega le fa conoscere l’Ais ed i suoi corsi e da lì la curiosità la spinge ad intraprendere questo percorso. La curiosità diventa passione, la passione diventa Diploma da Sommelier Ais nel 2015. Lo studio continua e la porta al conseguimento dell’attestato di degustatore ufficiale Ais nel 2016. Il suo motto è “Non si finisce mai di imparare” e da qui la voglia continua di studiare, aggiornarsi, viaggiare e conoscere le svariate realtà che il mondo del vino offre.

Potrebbero interessarti anche...