Terre di Francia: In Champagne ad attendervi c’è Patrick Soutiran

Giungere ad Ambonnay da Reims dopo avere visto le grandi maison di Champagne, attraversando colline di vigneti e distese di grano, si rivela una sorpresa, perché ad attenderci c’è Patrick Soutiran e la sua famiglia.
Patrick, successore di Gerad Soutiran, è un vigneron indipendente e dal 2007 viene aiutato dalla collaborazione della figlia Estelle.

È un récoltant- manipulant, coltiva e produce champagne in un terroir d’eccezione classificato GRAND CRU. L’accoglienza è familiare, si passa attraverso l’androne in pietra molare per accedere alla cantina dove si trova il torchio tradizionale in legno.

Abbiamo qualche difficoltà con la lingua, perché Patrick parla solo francese ma la comunicazione non verbale riesce a trasmettere le emozioni dei suoi racconti; c’è comunque il marito di Estelle che mastica l’inglese e riusciamo allora a rubare qualche curiosità in più.

L’atmosfera è lontana da quella vissuta nelle grandi maison, la visita nella cava è emozionante e Patrick decide di farci assistere in diretta ad una sboccatura manuale.

La degustazione, in piedi, accanto alla pressa ed ai tini in acciaio, diventa una chiacchierata tra amici; il primo champagne è il Blanc De Blancs, un Premier Cru, una cuvée da uve chardonnay al 100% che crescono nel territorio di Trépail, brut dal dosaggio zuccherino 10/11 Gr/Lit. con un invecchiamento che va dai 24 ai 36 mesi.

La brillantezza dell’aspetto e il perlage fine anticipano sentori floreali e fruttati con una nota minerale che dona vivacità e finezza che ritorna al palato in punta di piedi. È uno champagne femminile, ideale per iniziare un pasto ma anche una lunga e piacevole degustazione. Proseguiamo con il Grand Cru Rosé Brut, un assemblaggio di 90% chardonnay e 10% Pinot Nero “d’Ambonnay rosso”, una cuvèe rarissima e prestigiosa, sempre brillante dal rosa tendente all’aranciato ha una ricca corona di bollicine, ha bisogno di più tempo per sprigionare sentori di crosta di pane, pasticceria e mandorla amara ed in bocca è morbido e corposo con una buona persistenza e sapidità.

Il Blanc De Noirs Grand Cru è un elegante assemblaggio di Pinot Nero delle migliori località di Ambonnay vinificato in bianco, senza macerazione sulle bucce, è corposo, rotondo e delicato, in poche parole armonico; giallo paglierino dal finissimo perlage e dai sentori prevalenti di pane a lunga lievitazione e frutta candita.

Vorremmo ancora continuare ma abbiamo dei tempi da rispettare per continuare il nostro viaggio in Champagne da bravi sommelier della Associazione Italiana sommelier Sicilia. Decidiamo, però, subito che gli champagne di Patrick Soutiran vanno raccontati e degustati per la loro identità e ricchezza anche a casa nostra e lo faremo giovedì 15 Ottobre, presso l’Hotel Plaza a Catania insieme ad altri vini eccellenti di altre due meravigliose terre di Francia: l’Alsazia (http://www.enonews.it/leggi.asp?ID=879) e Bordeaux insieme ad Agata Faro e Camillo Privitera. Non mancate.

Facebooktwittermail
Flavia Catalano

Flavia Catalano

Nata in quella che fu anche la città di Eschilo, vive a Catania da più di dieci anni. Laureata in giurisprudenza, perché nella Giustizia crede fermamente, completa il suo percorso formativo diventando Avvocato e Specialista in professioni legali. Oggi è un temutissimo liquidatore assicurativo. Donna volitiva, testarda e determinata affina le sue innate doti manageriali frequentando un master in gestione e sviluppo delle risorse umane. Le scommesse che ama vincere sono quelle con sé stessa. Considera gli ostacoli un’opportunità; dal corso di vela ha imparato che anche controvento “virando” e “strambando” prima o poi al porto si arriva. Ama esercitare le sue corde vocali guardando le partite della “Signora”. È un’appassionata collezionista di scarpe e borse. Non ha mai giocato con le bambole, e le principesse non rientrano tra le sue muse ispiratrici. Specialista in problem-solving, ritiene che il modo più veloce ed efficace per trovare una soluzione sia osservare il problema dalle isole caraibiche. Folgorata dall’incontro con Bacco, oggi il suo sangue ha un’alta gradazione alcolica. Sommelier e degustatrice ufficiale AIS, collabora con EnoNews dal 2013

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.