Ambrogino D’Oro 2018: con Bottura e Sadler il Premio diventa “buongustaio”

Una scelta, è proprio il caso di dirlo, di ottimo gusto. Fipe – Federazione Italiana Pubblici Esercizi saluta con orgoglio l’assegnazione dell’Ambrogino D’Oro 2018, la massima onorificenza milanese e riconoscimento di fama nazionale, a due assoluti protagonisti della cucina del Belpaese, Massimo Bottura e Claudio Sadler. “Siamo particolarmente felici per la scelta di rendere merito a Claudio Sadler, per la sua capacità di rivisitare e innovare la cucina meneghina nel rispetto della tradizione, mantenendo vivo l’esempio del maestro Gualtiero Marchesi – commenta Lino Enrico Stoppani, Presidente di Fipe -. Un importante riconoscimento a più di trent’anni di lavoro fatto di talento, passione e competenza, che partendo da Milano dà lustro a tutto il mondo della cucina italiana e costituisce un modello di ispirazione per tutti i professionisti del nostro settore”.
Fipe plaude inoltre all’assegnazione dell’Ambrogino d’Oro a Massimo Bottura: “Un ulteriore, autorevole riconoscimento che segue di pochi mesi la conferma delle tre stelle Michelin – prosegue Stoppani -, a testimonianza della sua abilità nel valorizzare, anche da un punto di vista etico e di sostenibilità, le materie prime e il territorio. Uno straordinario talento, un esempio per noi tutti e le nostre imprese, per incrementare un’attenzione sempre più condivisa sui temi dello spreco alimentare”.

Facebooktwittermail
La Redazione

La Redazione

La Redazione di EnoNews.it

Potrebbero interessarti anche...